Come avviare un’attività di vigilanza privata

guardia giurataQui di seguito vi mostreremo un video, preso da YouTube e realizzato dalla Camera di Commercio di Milano, che vi spiegherà cos’è un’attività di vigilanza privata e quali sono le procedure da seguire per poterla avviare.

L’attività di vigilanza privata si divide in due categorie, custodia e guardiania non armata e in istituto di investigazioni.

Fanno parte di custodia e guardiania non armata il portinaio, il custode e il guardiano non armato di unità immobiliari che non sono imprenditori e che non hanno necessità di avere un’autorizzazione del prefetto per svolgere questa attività. Invece, l’ istituto di investigazioni è l’attività di chi si occupa di offrire vigilanza e custodia di proprietà mobiliari o immobiliari per conto terzi e a scopo di lucro, mettendo a disposizione la propria organizzazione come guardie giurate o scorta valore, oppure chi effettua investigazioni e ricerche per raccogliere informazioni per conto di privati e sempre a scopo di lucro.

Perciò, per chiarire, l’istituto di investigazione comprende l’istituto di investigazione privata, l’attività di investigazione, ricerche e raccolta di informazioni per conto di privati, l’antitaccheggio investigativo, indagini penali difensive, controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi.

Per svolgere l’attività di vigilanza serve una licenza rilasciata dall’ufficio territoriale del governo anche attraverso il sistema telematico.

In questo articolo vi abbiamo spiegato in generale cos’è un’attività di vigilanza, se volete maggiori informazioni, guardate il sito qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *