Come risparmiare sul riscaldamento

risparmiare sul riscaldamentoCome sempre, ogni anno, durante il periodo invernale si cerca di risparmiare sul riscaldamento.

La verità è che quando fa freddo, inevitabilmente, si tiene acceso il riscaldamento molto più spesso e per molto più tempo, perciò si consuma molto più gas e l’arrivo della bolletta a fine mese può diventare un problema per molte famiglie. Da qui, l’importanza di mettere in atto una serie di abitudini corrette che ci permetteranno di ridurre le spese sul riscaldamento, riducendo i consumi del gas e perciò facendo diminuire l’importo delle bollette da pagare.

Infatti, un uso responsabile dell’impianto di riscaldamento può portare a notevoli risparmi, senza soffrire il freddo e senza fare alcuno sforzo.

Non dimentichiamo che il riscaldamento rappresenta, all’interno di una abitazione, il consumo principale e perciò la bolletta del gas risulta essere la spesa principale del budget famigliare nel periodo invernale.

Qui di seguito alcuni consigli su come poter risparmiare sul riscaldamento e veder ridurre l’importo della propria bolletta del gas.

– E’ fondamentale mantenere una buona e giusta temperatura in casa. Gli esperti ritengono che la temperatura ideale all’interno di un’abitazione in inverno dovrebbe essere compresa tra 19 e 21 gradi. E’ importante sapere e ricordare che per ogni grado in più di temperatura che si voglia ottenere in casa, si sta consumando fino al 7% in più, percentuale che si rifletterà in un bel aumento sulla bolletta. Inoltre, mantenere una temperatura sopra i 21 gradi in casa non avrebbe proprio senso, poiché per essere inverno, si avrebbe una temperatura troppo calda, con il rischio di spendere un sacco di soldi per indossare vestiti primaverili in casa.

– E’ molto importante utilizzare un termostato per regolare la temperatura. Utilizzando un termostato è possibile adattare le temperature alle proprie esigenze in ogni momento della giornata. Ad esempio, se usciamo di casa non sarà necessario tenere il riscaldamento acceso, ma lo si potrà bloccare e far ripartire appena torniamo, infatti sarebbe solo uno spreco mantenere la casa calda se dentro non c’è nessuno. Quando si deve andare via per un breve periodo gli esperti raccomandano di regolare la temperatura del termostato a 15 gradi, questa rappresenta la temperatura ideale per il mantenimento dell’abitazione quando in casa non c’è nessuno.

– E’ necessario avere un’abitazione con un buon isolamento. Avere la casa o l’appartamento ben isolato è fondamentale quanto mantenere una giusta temperatura all’interno della stessa per poter aver un buon risparmio sulle bollette. Infatti, avere un buon isolamento permette di conservare meglio e più a lungo il calore. Alcuni dei sistemi di isolamento più utili e diffusi sono l’utilizzo dei doppi vetri e la sostituzione di guarnizioni vecchie con quelle nuove sia sulle porte che sulle finestre. In media, se una casa è ben isolata si può avere un risparmio energetico che varia tra il 20 e il 40% rispetto ad un’abitazione che non lo è. Per capire come avere un buon isolamento è necessario sapere da dove si possono verificano le fughe di calore. Generalmente, le fughe di calore si verificano dalle pareti, dal soffitto, dal pavimento e dalle finestre e perciò sarà necessario attrezzarsi e fare tutto il possibile per limitare al minimo le fughe di calore.

– Prendere le giuste precauzioni contro il gelo. Le gelate invernali possono causare danni e disagi alla nostra abitazione, perciò sarà necessario prendere le dovute precauzioni per evitare che si verifichino dei problemi, alle volte molto fastidiose. È importante evitare il congelamento dell’acqua contenuta nei tubi, poiché ciò potrebbe causare la rottura dei tubi. Per evitare questo è sufficiente mantenere una temperatura minima di 5 ° C.

– Chiamare un tecnico autorizzato. In caso di guasti, di mal funzionamenti e tutte le volte che è necessario, non datevi al fai da te, ma chiamate sempre un tecnico autorizzato per riparare la caldaia o l’impianto di riscaldamento.

– E’ fondamentale fare la pulizia ed i controlli periodici alla caldaia. Mantenere in buone condizioni la caldaia e farla lavorare nelle migliori condizioni è la chiave principale per risparmiare sul riscaldamento. Per poter risparmiare, oltre a pulire e controllare periodicamente la caldaia, è consigliabile sostituirla con una nuova dopo dieci anni. Per valutare se la nostra caldaia funziona bene o male potrà essere utile guardare il colore della fiamma all’interno della stessa, infatti, solitamente, se la fiamma è blu significa che la combustione è corretta.

– Essere tempestivi. Se si sente odore di gas o si nota un comportamento anomalo nel funzionamento della caldaia, sarà necessario disattivare qualsiasi apparecchio, chiudere il rubinetto del gas, non accendere il fuoco e chiamare con urgenza un professionista.

– Non coprite i radiatori perché in questo modo il calore viene disperso, e quindi aumenta il consumo.

– Mantenere le aperture di sicurezza in perfette condizioni e libere da qualsiasi ostacolo che possa impedire il ricircolo dell’aria.

– Quando si vuole far arieggiare la casa sarà sufficiente tenere le finestre aperte per dieci minuti, non è necessario tenerle aperte più a lungo facendo raffreddare inutilmente la casa.

– Favorire l’ingresso della luce solare durante il giorno, aprendo le persiane o le tapparelle. Chiuderle appena il sole scompare, per evitare la perdita di calore.

– Non è necessario lasciare il riscaldamento acceso tutto il giorno. Contrariamente a quanto si crede, è preferibile spegnerlo durante la notte e coprirsi con una coperta in più. Questo aiuterà ad avere un maggior risparmio sul consumo del gas e sulla bolletta.

Riscaldamento centralizzato

In alcuni condomini è possibile che il sistema di riscaldamento sia centralizzato e condiviso tra tutti i residenti del palazzo, e perciò il consumo, le ore di messa in funzione e molte altre questioni non dipendano dalla vostra decisione individuale. Tuttavia, anche se usufruite del riscaldamento centralizzato, è possibile mettere in pratica tutta una serie di abitudini che permettono di risparmiare sul consumo totale, e quindi sulle bollette condominiali.

Spesso, il riscaldamento centralizzato è acceso o disponibile a temperature più alte nelle ore centrali, perciò in questi orari è preferibile non aprire le finestre. Inoltre, se in alcune stanze non si vogliono avere delle temperature troppo calde, sarà necessario spegnere i radiatori in quelle stanze.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *