Aprire un negozio di parrucchiera ecologico

bioNegli ultimi anni, l’economia ha subito dei grandi cambiamenti per quanto riguarda la domanda. Sempre più consumatori sono meglio informati e più interessati a consumare prodotti e servizi che rispettano l’ambiente. La tendenza di utilizzare prodotti e servizi “verdi” è sempre in costante espansione, ed ora sta raggiungendo dei settori nuovi e particolari come i parrucchieri e i saloni di bellezza.

Il passaggio al naturale in questi settori diventa ancora più importante se si considera che, secondo l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro che dipendente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i coloranti contengono sostanze chimiche che causano diversi tipi di cancro. Inoltre, questi prodotti cancerogeni, molto spesso non vengono smaltiti correttamente e perciò queste sostanze chimiche vengono disperse nell’ambiente. Ad esempio basti pensare alla tintura per i capelli, una volta lasciata riposare sui capelli, questi verranno risciacquati con dell’acqua corrente che finirà nelle tubature e perciò si disperderà nell’ambiente.

Nonostante questo, si stima che circa il 60% delle donne e il 10% degli uomini si tingono in media i capelli dalle 6 alle 8 volte all’anno. In alcuni paesi, come in Spagna, dove questi negozi ecologici sono già diffusi, le donne preferiscono spendere qualcosina in più per avere un servizio ecologico e naturale che non inquina il pianeta e che non danneggi loro stesse.
Già in gran parte dell’Europa sono stati creati degli elenchi dei prodotti e dei servizi destinati alla cura della persona perfettamente adattati alla consapevolezza di non danneggiare persone e ambiente.
Si fanno sempre più cose per cercare di far conoscere e far adattare le persone a questo nuovo approccio ambientale. Ad esempio, già qualche hanno fa, i rappresentanti delle varie istituzioni dei parrucchieri professionisti in Francia hanno firmato il “Trattato dello Sviluppo Sostenibile del parrucchiere professionale”, al fine di regolare e rafforzare l’impegno per la tendenza all’eco-sostenibilità.

Sono molte e sono varie le pratiche che dovrebbero essere prese in considerazione da un parrucchiere. Ad esempio, per quanto riguarda il consumo di energia potrebbero adottare delle misure di risparmio, come ad esempio utilizzando delle lampadine a led che consumano meno, potrebbero gestire l’acqua in modo più razionale evitando degli sprechi e soprattutto acquistare ed utilizzare dei prodotti naturali in sostituzione di quelli che contengono sostanze chimiche tossiche.

Nel mercato si possono trovare una vasta gamma di prodotti destinati allo styling a base di estratti naturali, senza ammoniaca o perossido. Inoltre, anche per quanto riguarda i cosmetici ci sono sempre più marchi che stanno adottando questa tendenza ecologica e perciò si potrebbero utilizzare anche queste linee per poter offrire una vasta selezione di prodotti ecologici.

Molto positivo è che di pari passo con l’aumentare dell’utilizzo e perciò della creazione di questi nuovi prodotti ecologici, stanno comparendo anche le prime agenzie che verificano i prodotti e supportano le informazioni fornite in etichetta per assicurarsi che i cosmetici sono in realtà biologici e naturali. Si possono trovare molte altre informazioni anche online.

Per quanto riguarda le nuove tecnologie di risparmio energetico, sul mercato ce ne sono talmente tante da potersi sbizzarrire. Ad esempio, per poter aumentare il risparmio idrico sarà fondamentale la sostituzione dei rubinetti tradizionali con rubinetti con il miscelatore

Avrete capito che alla fine adottare una filosofia ecologica all’interno del vostro negozio di parrucchiera non è così difficile. Ci vorranno delle piccole modifiche e la voglia di utilizzare prodotti eco-compatibili che non inquinino e che soprattutto non danneggino i vostri clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *