7 punti per diventare una brava baby-sitter

baby sitterSoprattutto in tempo di crisi economica le persone che si offrono per lavorare nel settore domestico si moltiplicano. Molte sperano di trovare un impiego come donne delle pulizie in appartamento, come badanti o come baby-sitter.

Vediamo qui di seguito le 7 qualità necessarie per diventare una brava baby-sitter:

1) Esperienza. Sicuramente in questo tipo di lavoro viene più apprezzata l’esperienza che la formazione. Per coloro che vogliono affidarvi un figlio è molto più importante sapere se avete già lavorato con dei bambini e se avete delle referenze da offrire. In poche parole, generalmente , chi ha già avuto qualche esperienza è avvantaggiato. Nel caso in cui voi siate delle persone giovani, senza esperienza e in cerca di un lavoro come baby-sitter, dovete essere capaci di spiegare e convincere che la vostra famiglia è molto numerosa, che voi siete la sorella maggiore e che avete dovuto prendervi cura dei vostri fratelli più piccoli in molte occasioni.

2) Amare i bambini. Devi amare i bambini, divertirti con loro e saper affrontare i loro problemi. Nessun genitore sano di mente affiderebbe i propri figli ad una persona che non ama i bambini e che non è felice di stare con loro, ma che lo fa solo per poter guadagnare qualcosa. Perciò, sarà necessario spiegare e convincere i genitori dei bambini per cui farete la baby-sitter le ragioni principali per cui vi piace stare con i loro bambini.

3) Responsabilità. Bisogna essere responsabile nei confronti dei bambini, bisogna essere certi di comportarsi nel modo più adeguato nei confronti dei bambini per evitare che si facciano male o che combinino qualche guaio. Tutto questo, non solo per il bene del bambino, ma anche per evitare di essere licenziate per qualche grave motivo. Inoltre, bisogna essere in grado di prendersi delle responsabilità. Ad esempio, portare il bambino al parco giochi, a fare una passeggiata o portare il bambino in piscina nei mesi estivi.

4) Aumentare i servizi. Sempre più spesso alle baby-sitter viene chiesto di ampliare i suoi servizi, come effettuare anche qualche lavoretto in casa, ad esempio stirare, accendere la lavatrice o stendere il bucato. In particolare, la cosa migliore sarebbe quella di aiutare il bambino nello svolgimento dei compiti, facendogli delle ripetizioni o spiegandogli qualcosa che non ha capito. Soprattutto questa ultima parte potrebbe in parte aumentare le vostre conoscenze e soprattutto avere la capacità di offrire un servizio più completo.

5) Riservatezza. La baby-sitter deve essere una persona discreta e riservata soprattutto per quanto riguarda gli affari degli altri. Normalmente, molte baby-sitter hanno la chiave della casa in cui lavorano, quindi, è assolutamente necessario essere responsabili e discreti. Inoltre, è molto importante capire che tutto quello che si sente all’interno di una casa deve far parte di un segreto d’ufficio, come uno psicologo non può dire nulla di quello che accade in terapia e un prete nel confessionale.

6) Il gioco non sempre vale la candela. Una baby-sitter è una persona competente, matura e responsabile. Fare la baby-sitter è un lavoro stancante e che richiede tanta pazienta e tanta energia. Perciò, inizialmente, quando siete alle prime esperienze non arrabbiatevi o non rifiutate il lavoro se vi vogliono pagare poco. Questo perché chi vi assume fa una scommessa su di voi che non avete ne esperienza ne referenze. Dovete capire che più andrete avanti e più esperienza avrete più potrete permettervi di chiedere uno stipendio più alto. La paga dipenderà anche dalle ore che lavorate e il numero di bambini che vi vengono affidati. State tranquille che più lavorerete, più esperienza avrete e più renderete soddisfatti i vostri clienti con i vostri servizi professionali.

7) Annunci. Per poter trovare lavoro come baby-sitter sarà necessario mettere degli annunci sui giornali locali, sulle bacheche all’interno delle scuole, nelle palestre dove si svolgono attività sportive per bambini, nei centri commerciali. Si deve far domanda all’ufficio di collocamento e iscriversi alle varie agenzie per il lavoro. Da non sottovalutare è il passaparola, in quanto coloro che devono assumere una baby-sitter a cui affidare i propri figli preferiscono rivolgersi ad una persona non completamente estranea.

Lavorare come baby-sitter può essere molto gratificante, in quanto è un lavoro che consente di instaurare legami affettivi e sentirsi partecipi all’interno di una nuova famiglia acquisita. Un altro vantaggio, oltre ad avere un lavoro che consente un introito economico, sarà quello di ampliare la propria intelligenza emotiva sottoforma di amore, entusiasmo con la speranza di sentirsi bene e di far star bene e la certezza di aver fatto un buon lavoro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *