Diventare vigile urbano

polizia municipaleIl vigile urbano è colui che vediamo passeggiare per le strade della nostra città, con la sua divisa blu e la paletta in mano per dirigere il traffico. Quella di organizzare il traffico non è l’unica sua mansione. Il vigile urbano ha il compito di far scorrere il traffico nel modo opportuno durante gli orari di punta nelle strade più affollate, di dare la precedenza ora ai pedoni ora ai veicoli davanti agli stadi e le scuole.

Ha il compito di far rispettare le norme stradali multando coloro che non le rispettano. Controlla se i locali pubblici hanno la licenza di vendita e danno informazioni ai turisti. Insomma, tutto ciò che riguarda la sicurezza e l’ordine stradale loro hanno il compito di vigilare e far rispettare le regole ai cittadini. In linea generale può collaborare anche con le forze dell’ordine.

Il vigile urbano è un lavoro statale molto ambito, perché garantisce un posto di lavoro sicuro e un’attività di tutto rispetto, anche se i cittadini li amano poco a causa delle multe ;-).

Se vuoi diventare vigile urbano devi prima di tutto possedere il diploma di maturità. Se rispetti questo primo requisito, verrai ammesso al concorso pubblico (quando ovviamente è aperto) e dovrai superarlo. Tranquillo, per fortuna è un concorso abbastanza frequente. Purtroppo però i posti sono limitati e servono a riempire la graduatoria per assumere a tempo indeterminato o qualora necessario, per brevi periodi.

Tra i requisiti personali c’è prontezza, agilità, auto controllo, capacità di relazionarsi nel migliore dei modi e di venire incontro alle esigenze, senza però lasciarsi piegare e manipolare.

In quanto vigile urbano dovrai avere la patente di guida B, in alcune città serve anche la A.

Se aspiri a ricoprire una posizione più alta, magari quella del comandante, ti informo che il diploma non basta. In quel caso dovrai avere un diploma di laurea in Scienze Politiche, Economia e Commercio, Giurisprudenza. In alcuni casi potrebbe rivelarsi fondamentale anche la conoscenza di una lingua straniera, tra quelle più parlate. Questo requisito comunque è richiesto nelle località fortemente turistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *