Franchising Kebab

kebabIl primo franchising in Italia di kebab è stato aperto nel 2001 da Shockabab, marchio dell’azienda Kabab Internationale, che negli anni ha visto l’apertura di più di 30 punti in tutta Italia. Per chi ha già un’attività ma vuole incrementare i guadagni, può inserire in un angolo del proprio locale, un corner attrezzato per somministrare il Kebab, come offre il marchio Donar Kabab. Il Kebab, di origini turche e arabe si è diffuso anche in America, Africa e Europa. In ogni paese si possono trovare ristoranti o punti di ristoro tipici per gustare questo piatto orientale. Il business c’è e molte aziende hanno già attivato franchising. In Italia troviamo tra gli altri, società come Arabian Kebab, Dok Kebab, Ghiotto Kebab, Shockabab, Donar Kabab, Spiedonny, Kyros Kebab. Ma cosa offrono esattamente e, soprattutto, cosa serve per aprire un franchising di questo tipo?

Ognuno di questi marchi offre, nello specifico, consulenza fiscale, amministrativa, legale; consulenza di marketing, pubblicità e comunicazione; una valutazione della location della possibile attività (si predilige una zona trafficata o nelle vicinanze di centri commerciali e grandi città ), completa assistenza prima, durante e dopo l’apertura; corsi di formazione e addestramento per conoscere e cucinare il prodotto; possibilità di affiliazione con diversi tipi di investimento, secondo le proprie disponibilità; arredamento e macchinari, oltre le prime per preparare i prodotti da offrire. Essendo il Kebab un piatto tipico, non ci si improvvisa nella preparazione della carne e avendo molte varianti nel servirla, bisogna conoscere almeno le versioni principali, (tipo “doner kebab”) e quindi sapere i giusti condimenti e salse da aggiungere. Altro punto cruciale, il personale, che deve essere arabo o turco. Sembra una follia, ma se sappiamo che in un locale la pizza è preparata da un pizzaiolo tedesco, noi italiani andremo mai a mangiarla in quel locale? Per dare una garanzia ulteriore al prodotto nei confronti della clientela, è bene seguire questo consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *