Cerotti per punti neri Essence

EssenceI cerotti per i punti neri della Essence sono quelli più a buon mercato in questo momento. Costano 1,99 Euro e dentro i sono tre cerotti, uno per ogni parte della zona T. L’unico difetto riscontrato è che purtroppo non sono molto reperibili, in quanto non esistono negozi del brand in Italia, ma i prodotti sono reperibili in alcuni negozi, come Oviesse, Upim o Coin.

I tre cerotti sono studiati ergonomicamente per aderire perfettamente al mento, al naso o alla fronte, non lasciando nessun punto scoperto. Sono molto pratici da usare, preferibilmente la sera, per evitare di uscire col rossore causato dallo strappo del cerotto. Basta infatti inumidire la parte o le parti che interessano, applicare il cerotto al lato lucido, attendere almeno 15 minuti e, trascorso il tempo, rimuovere il patch con un po’ di acqua tiepida.

E’ bene non applicare il patch se la pelle è irritata o arrossata. Nella zona del naso, la quale è estremamente delicata, bisogna aspettare almeno tre giorni tra una applicazione e l’altra, onde evitare di irritare irrimediabilmente la pelle.
I cerotti sono imbevuti di una speciale sostanza che si attiva inumidendola. Si attacca ai pori della pelle e, penetrando in essi e, asciugandosi si attacca al patch, in modo che, una volta tolto il cerotto, i pori si liberano automaticamente e la sporcizia rimanga nel cerotto. E’ il modo migliore e rapido per liberare il viso da piccole impurità e inestetismi, come i punti neri e i pori dilatati, senza spendere un patrimonio in prodotti purificanti o trattamenti estetici.

Può capitare che alcune impurità siano resistenti da debellare: il suggerimento è far dilatare i pori, magari facendo un fumento, o usando il prodotto dopo aver fatto un bagno o una doccia calda. I punti neri più resistenti sono quelli che hanno accumulato più sebo: il poro, essendo troppo ostruito, non riesce a farlo fuoriuscire e quindi neanche il patch “a freddo” può risolvere la situazione, mentre dilatando i pori è più facile che il comedone si attacchi al patch e venga asportato senza ulteriori conseguenze o irritazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *