Come fare business con la Stevia

coltivare la steviaSe si ha un diploma agrario nel cassetto, si possiede un pezzo di terra e, soprattutto, si cerca lavoro disperatamente, allora la Stevia può diventare la classica gallina dalle uova d’oro. La stevia, conosciuta nel mondo botanico come Stevia rebaudiana bertoni, ed è una pianta originaria del Paraguay.

Gli indigeni la utilizzavano per le sue proprietà curative, ma anche perché è una pianta dolce..letteralmente: le sue foglie dolcificano 300 volte più dello zucchero raffinato. Esse sono simili alle foglie di menta, e nonostante sia una pianta sub-tropicale, si adatta ad ogni tipo di clima e ambiente, con diversi risultati (capita che invece di estendersi fino a 1500 mt si altezza arrivi lo a 50cm-1mt, oppure, che le foglie siano più ampie o più strette).

Il suo potere dolcificante risiede nelle foglie, ricche di glicosidi steviolici, che arrivano a dolcificare fino a 300 volte più dello zucchero. Un cucchiaio di stevia, quindi, dolcifica pari a 1 kg di zucchero.

Solo recentemente l’Unione Europea ha dato il via libera alla coltivazione e alla vendita di queste piantine, in quanto si pensava che fosse una pianta nociva per la salute (in realtà, lo studio era stato ordinato dai magnati dello zucchero).

I semi di stevia si possono comprare in ogni negozio specializzato in giardinaggio (sezione piante curiose o piante bizzarre): ovviamente, online si fanno i migliori affari, perché a parità di prezzo si possono comprare più semi. Dopo aver preparato il terreno o il vasetto, basta piantare i semini e curare come le normali piante aromatiche o da orto. Per l’aspetto burocratico, per diventare imprenditore agricolo o coltivatore diretto ci si deve iscrivere nell’apposito Registro della Camera di Commercio. Per l’aspetto fiscale, è bene contattare un commercialista.

Da adesso, si possono coltivare e vendere i prodotti di propria produzione. Se non si ha un pezzo di terra, si può prendere in affitto, ma è indispensabile comprare dei macchinari professionali, specie se il terreno è grande. Qui, si possono coltivare le piantine di stevia, gli ortaggi, piante aromatiche oppure anche dei frutti. Si possono, infatti, fare delle marmellate o dei preparati a base di stevia, oltre che vendere direttamente le piantine. Basta infatti seccare le foglie, triturarle e riporre il contenuto in un vasetto sterilizzato. Attenzione al’igiene e alla compilazione delle etichette con gli ingredienti, per non incappare in guai seri con l’Asl e con i NAS.

 
La Stevia come tesi di laurea in una sperimentazione concreta (1° parte)

La Stevia come tesi di laurea in una sperimentazione concreta (2° parte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *