Brufoli : scoprire le cause

Le cause dalla insorgenza di brufoli sono molteplici.

La nostra pelle è ricoperta di pori che ne permettono l’ossigenazione. All’interno di ogni poro, un canale follicolare permette alla ghiandola sebacea contenuta al suo interno di proteggere, tramite il sebo da essa prodotto, la nostra pelle.

Quando la produzione di sebo viene alterata, in primo luogo per cause ormonali, il sebo in eccesso non riesce ad essere smaltito attraverso il canale, la ghiandola sebacea si ingrossa ed al suo intorno si moltiplicano alcuni batteri che, normalmente presenti nella pelle, se rinchiusi all’interno del canale follicolare, occluso e pieno di sebo, si moltiplicano dando luogo ad una infezione, riconoscibile dalla tipica colorazione rossastra e dal gonfiore che circondano l’uscita del canale follicolare.

E’ noto che una alimentazione troppo grassa aumenta l’insorgenza di brufoli, ma la sovra produzione della ghiandola sebacea è collegata ai cambianti ormonali.

E’ infatti il testosterone, un ormone maschile presente sia nell’organismo femminile che in quello maschile, sebbene ovviamente in misurai assai differente,  a stimolare le ghiandole sebacee ad una produzione superiore alla norma.

Non a caso, infatti, l’insorgenza dei brufoli è tipica della età adolescenziale, quando io cambiamenti ormonali in atto portano un iniziale squilibrio che segna il passaggio dalla età infantile a quella collegata alla maturità sessuale degli individui.

In questo periodo inoltre, per far fronte anche al previsto accrescimento di tutto l’organismo, anche la pelle lavora in modo superiore al normale, producendo un esubero di nuove cellule del derma che, a volte, ostruiscono il canale follicolare impedendo la fuoriuscita del sebo.

Nel sebo, all’interno del canale follicolare, prolificano in questo caso i batteri che si trovano normalmente al di sopra del derma, causando una infezione sottocutanea, ovvero il classico brufolo.

Per limitare l’insorgenza dei brufoli quindi, sempre con la consapevolezza che si tratta comunque di un fenomeno passeggero, occorre cercare di avere una alimentazione poco ricca di grassi, mantenere la pelle ben detersa ed  utilizzare lozioni antisettici per la pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *