Aprire una Creperia

aprire una creperiaLe creperie, sono i locali o i chioschi nei quali sono preparate, al momento, le crepes; si tratta di un piatto tipico francese che ha travalicato i confini nazionali e si è imposto come goloso snack o pasto veloce.
Le crepes, in genere sono preparate in locali ma in alcuni casi vengono cucinate in chioschi o in rivendite che propongono il take away.
Questo settore ha dei grossi margini di crescita e rappresenta una valida soluzione per chi è intenzionato ad intraprendere un lavoro indipendente mettendosi in proprio.
Le creperie offrono prodotti dolci e salati, farcite con prodotti regionali o internazionali; alcuni locali vendono anche altre preparazioni tipiche francesi come le gaufres, che sono dolci croccanti da mangiare con cioccolato o creme.
Per aprire una creperia, è necessario trovare un locale idoneo che risponda alle richieste della Asl di competenza; infatti, la Asl deve rilasciare un certificato di idoneità igienico-sanitaria. Inoltre, è necessario recarsi alla camera di commercio per richiedere l’iscrizione al registro delle imprese artigianali. Inoltre, è obbligatorio aprire una partita IVA. E’ consigliato iscriversi alla associazioni di categoria e richiedere il supporto di un commercialista per il disbrigo di alcune pratiche e per gli adempiti fiscali.
Inoltre, bisogna essere in possesso delle autorizzazioni sanitarie che siano valide per tutti coloro che lavorano nella creperia; il libretto sanitario è obbligatorio che venga rinnovato ogni anno. Ottenute le autorizzazioni, bisogna inviare una comunicazione al Comune di appartenenza, di avvio attività.
La scelta del locale adatto, garantisce il successo della creperia; bisogna puntare a edifici posti in zone centrali dove ci sia un costante passaggio di persone. Sono adatti anche i centri commerciali, i centri storici e le strade vicine ad uffici, ospedali o scuole. Il locale può avere anche una dimensione di cinquanta metri quadrati, visto che in genere le crepes vengono consumate fuori dal locale o magari nei tavolini esterni.
Bisogna cercare un locale che abbia una vetrina , che possibilmente abbia l’opportunità di avere uno spazio esterno dove sistemare qualche tavolino e naturalmente dotato anche di servizi igienici.
L’attrezzatura può essere acquistata anche usata; in linea di massima una creperia deve essere dotata di piastre per la cottura di crepes, una bilancia, un frigorifero, un’affettatrice, un tavolo di lavoro e un lavandino. Inoltre, bisogna acquistare un bancone, un registratore di cassa e qualche tavolino o sgabello.
E’ possibile ance avere dei distributori automatici di bevande, almeno che non si intenda richiedere alla Asl la licenza per la somministrazione delle bevande.
Per aprire una creperia, è necessario avere un budget iniziale che consenta di acquistare o affittare il locale, acquistare le attrezzature, adeguare il locale e assolvere il pagamento delle tasse; inoltre, bisogna considerare le spese per l’acquisto delle materie prime, le bollette e la pulizia dei locali.
Per l’apertura di questi locali, è possibile richiedere dei finanziamenti; le informazioni si possono richiedere alle associazioni di categoria. La creperia può essere aperta con dei soci, in modo da dividere sia le spese che gli utili, oppure come ditta individuale o come impresa familiare.
Inoltre, per aprire una creperia è necessario avere delle competenze che consentano di saper scegliere le materie prime, saperle abbinare e riuscire a lavorarle con successo. Le competenze fondamentali, possono essere apprese in un corso professionale e poi è possibile migliorarle con degli stage da svolgere presso attività già avviate. La preparazione professionale è necessario perché permette di offrire un prodotto di buona qualità e magari adatto anche a persone che soffrono di intolleranze alimentari o allergie, come i celiaci o gli intolleranti al latte. Non dimentichiamo anche le persone che non mangiano la carne o le uova.
Per riuscire in questo lavoro, è bene continuare ad aggiornarsi e ad informarsi su ciò che di nuovo viene proposto sia come materie prime che come attrezzature. E’ fondamentale leggere le riviste del settore, frequentare corsi e convegni e cercare di adattarsi alle richieste dei clienti. Le crepes, si prestano ad essere preparate con ripieni molto diversi tra loro; si potrebbe preparare un cartellone da esporre all’esterno con tutte le proposte più innovative in modo da attirare i clienti. Puntare su alcuni prodotti di nicchia o su abbinamenti poco consueti può essere il giusto punto di partenza per riuscire ad avere successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *