Diventare guardia forestale

corpo forestaleLa guardia forestale è una figura professionale che opera all’interno del Corpo Forestale dello Stato. Questo lavoro è adatto agli amanti della natura, dei luoghi incontaminati. Il corpo forestale dello Stato italiano, è nato nel 1822 perché tutelasse il patrimonio ambientale e boschivo; quando è stato istituito doveva occuparsi di difendere la natura ma anche il patrimonio agroalimentare e naturale dell’Italia.

Per diventare guardia forestale è necessario amare l’ambiente e soprattutto scendere in campo per la sua tutela. All’interno del Corpo forestale operano diversi professionisti con qualifiche varie: dai biologici ai geologi agli ispettori; i professionisti che lavorano nel Corpo forestale hanno competenze di agraria ma anche di ambiente. Fra i compiti più importanti quello di garantire l’agroalimentare nazionale e lo svolgimento dell’attività di polizia venatoria ed ambientale; le unità del Corpo forestale verificano che si rispetti la convenzione di Washington, che mira a controllare il commercio di flora e fauna in estinzione.

Gli uomini del Corpo forestale svolgono attività di controllo e prevenzione presso le riserve naturali dello Stato, nelle quali si occupano anche di portare avanti l’educazione ambientale e vari progetti di ricerca; le riserve naturali sono in tutto centotrenta.

Inoltre, il Corpo forestale vigila sulle aree naturali protette e sui parchi.

Il corpo è accessibile sia a uomini che a donne e per poter entrare a fare parte di questa istituzione è necessario superare il concorso, si tratta di un corpo di polizia che si dedica alla protezione della natura. Sul territorio nazionale esistono più di ottomila uomini che fanno parte del corpo forestale.

Il sito del Corpo forestale dello Stato, riporta l’elenco dei bandi e i requisiti per poter essere ammessi a sostenere le prove.

Il Corpo forestale dello Stato comprende sia personale tecnico che in divisa; il personale tecnico si suddivide in periti, operatori, collaboratori e revisori. Il personale in divisa si articola in ispettori, sovrintendenti, agenti, assistenti, dirigenti e commissari.

Per poter diventare operatori e collaboratori, è necessario superare il concorso pubblico; per i revisori, in genere, si tratta di personale che entra sia dopo aver sostenere un concorso interno al quale segue un corso di formazione sia dopo un concorso pubblico. Per diventare agenti, è obbligatorio superare il concorso pubblico; in genere gli agenti, nel corso del tempo, possono diventare ispettori.

Per poter sostenere il concorso per titoli ed esami che abilita ad entrare nel Corpo forestale dello Stato come funzionari, è necessario essere in possesso di alcuni requisiti fondamentali. Si richiede un’età non superiore ai trentadue anni, l’essere in possesso della cittadinanza italiane ed avere l’idoneità fisica.

Al concorso pubblico, non possono partecipare coloro i quali sono stati interdetti dagli uffici pubblici.

Inoltre, è fondamentale essere in possesso di un diploma di laurea conseguito nell’ambito disciplinare tecnico, scientifico, giuridico o economico. Dopo il superamento dell’esame, è necessario frequentare il corso di formazione che si tiene alla Scuola superiore di polizia, il corso dura due anni e permette di ottenere un master universitario. In seguito, i futuri funzionari, devono effettuare un tirocinio tecnico in una struttura del Corpo forestale. Al termine di questo corso, è previsto un esame finale; in questo modo si può poi prestare giuramento e iniziare la carriera di funzionari del Corpo forestale di Stato; la prima qualifica è quella di commissario capo forestale.

I corsi di dodici mesi si tengono presso gli istituti di Mongiana, Sabaudia e Cittaducale.

Se si desidera, invece diventare agenti del Corpo forestale bisogna comunque sostenere un concorso pubblico. I bandi integrali si trovano sia sul dito del Corpo forestale dello Stato che nella Gazzetta ufficiale.

I requisiti richiesti per poter essere ammessi al concorso sono: non avere un’età maggiore di trenta anni ed essere cittadini italiani. Inoltre, è necessario che i candidati abbiano già svolto o lo stiano svolgendo il servizio denominato VFPA, cioè volontario nelle forze armate in ferma prefissata annuale. Al superamento del concorso, una parte dei vincitori deve operare per quattro anni come volontario in ferma prefissata nelle forze armate, mentre un’altra parte diventa subito allievo agente.

Lavorare all’interno del Corpo forestale, è una professione di prestigio ed ambita perché permette di svolgere un lavoro di tutela importante sia per la natura che per la società, in quanto si occupano di lotta al bracconaggio, smaltimento corretto dei rifiuti e tutela delle aree verdi.

Qui trovi le notizie relative ai concorsi nel Corpo Forestale dello Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *