Acne e storia: il primo a parlarne fu il medico Aezio di Amida

storia dell'acneOggi vogliamo parlare un po’ della storia dell’acne e degli studi che hanno portato i dermatologi ed i medici specializzati a spiegare in cosa consista questa malattia della pelle e come curarla.

Volendo partire dai cenni bibliografici, si parla per la prima volta di acne sotto il profilo scientifico e “medico” con gli scritti del medico greco Aezio di Amida, che fa comparire il termine sotto la parola greca con la scritta ????: siamo in un periodo compreso tra la seconda metà del V e la prima metà del VI secolo, quando per la prima volta il medico nativo di Amida (in Mesopotamia) parla dell’acne nei suoi “Sedici libri di medicina”, il cui titolo originale è ?????? ??????? ?????????.

Da allora, sono in tanti ad occuparsi di questa malattia della pelle, i cui studi a riguardo hanno raggiungo l’apice solo negli ultimi anni, quando in particolare ci si è preoccupati di cercare una correlazione tra l’acne e dieta, sesso e igiene.

Verso la fine degli anni Sessanta, molti studi scientifici si sono rivolti proprio a questo, cercando di trovare delle relazioni tra l’acne e la dieta, il sesso e l’igiene: il merito è da conferire in particolare ad uno studio californiano condotto su circa 47.000 infermiere, scoprendo che coloro che da adolescenti avevano ingerito più latte presentavano tassi più alti di acne grave rispetto a coloro che ne avevano assunto poco o niente. Ciò ha indotto i medici e gli scienziati a ritenere che una dieta a alto carico glicemico e il latte di mucca possono essere associati con il latte, ed ulteriori studi stanno cercando di trovare delle correlazioni tra acne e cioccolato, visto il luogo comune secondo il quale il cacao sarebbe portatore di brufoli e punti neri.

Negli ultimi anni, gli studi si stanno concentrando in particolare sui diversi tipi di acne e di conseguenza sui diversi metodi utilizzati per sconfiggere questa importante malattia della pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.