Acne e pelle grassa: un problema comune

Combattere l’acne rappresenta uno dei problemi più importanti per una buona parte della popolazione italiana: si comincia sin da ragazzini, quando la cosiddetta acne giovanile inizia a farsi strada sulla pelle del viso, della schiena e del petto, ed in molti casi si continua da adulti, senza mai riuscire a debellare una volta per tutte quegli antipatici brufoletti e punti neri che ci ritroviamo sul viso.

Per combattere l’acne esistono diversi rimedi, ma ciò che bisogna capire prima di tutto è che in molti casi è importante rivolgersi ad uno specialista – o meglio, un dermatologo – che sappia indirizzare verso la giusta strada e permetta di evitare di trovarsi in situazioni spiacevoli.

In questo articolo proveremo a spiegare a grandi linee come si presenta una pelle con acne ed in che modo si può ovviare al problema, anche se in nessun caso vogliamo sostituirci agli specialisti che attraverso particolari metodologie e strumenti possono indicare il tipo di acne presente sulla vostra pelle e chiaramente anche aiutarvi a combatterla.

Una pelle acneica è sostanzialmente una pelle grassa: questo significa che, guardandovi allo specchio, noterete non solo la presenza di brufoli e di punti neri che si estendono principalmente sul mento, sul naso e sulla fronte, ma al tatto noterete anche una particolare untuosità della pelle mista ad eccessiva “lucidità”.

Le zone particolarmente colpite dall’eccesso di sebo – che rendono quindi la vostra pelle eccessivamente lucida – sono rappresentative della classica “zona T”: la fronte, il naso, ed il mento.

Quando ci si trova in una situazione simile, bisogna chiaramente purificare la pelle ed evitare di estendere le eventuali infezioni ad altre parti del viso: l’errore che la maggior parte dei giovani fa è quello di schiacciare i brufoletti nel tentativo di farli sparire e nella speranza che così essi non si riformeranno. Niente di più sbagliato!

Questa operazione può essere invece molto pericolosa e può anzi peggiorare del tutto la situazione: se proprio volete affidarvi al “fai da te”, frizionate il brufoletto con un po’ di limone e lasciate che si secchi da solo.

Ma ricordate: una buona pulizia quotidiana, con i prodotti giusti, vi aiuterà a limitare la vostra acne e ad evitare che essa peggiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *