Vivere e lavorare negli Stati Uniti: cittadinanza e Green Card

americaVivere in una delle splendide metropoli americane rappresenta il sogno di moltissime persone, ma ad oggi, a causa di tutte le difficoltà relative alla situazione politica americana e soprattutto a partire dall’11 Settembre 2001, data del disastro aereo che ha causato moltissimi morti e feriti nonché la distruzione delle torri gemelle, non è così semplice ottenere la cittadinanza americana o comunque un visto per poter rimanere in America per vivere e lavorare.

Diversa è la situazione per studenti e persone che intendono soggiornare negli Stati Uniti per un dato periodo, in quanto se per i secondi non è obbligatorio ottenere alcun visto, per i primi è rilasciato un documento particolare che permette loro di rimanere in America per tutta la durata del loro percorso accademico: tuttavia, né gli studenti immigrati né i turisti possono lavorare – se non illegalmente, ma ciò è pericolosissimo perché se si viene scoperti si rischia l’allontanamento dall’America per 10 anni – senza possedere la cittadinanza o un visto che lo permetta.

Oggi quindi vogliamo rivolgere la nostra attenzione a tutti quei cittadini italiani che intendono trasferirsi definitivamente in America per vivere e per lavorare perseguendo il mito americano: tuttavia, vogliamo precisare che le nostre informazioni non possono in alcun modo sostituire le ufficiali comunicazioni che si possono ottenere presso le ambasciate americane e che è comunque importante informarsi bene prima di fare una scelta di questo tipo.

D’altronde, l’America è una nazione multiculturale e poliglotta, anzi, forse sarebbe proprio il caso di dire che l’America è la nazione multiculturale e poliglotta per eccellenza, in quanto essa rappresenta un crogiuolo di identità culturali, linguistiche, religiose e di etnie totalmente diverse tra di loro: questo da un lato ha contribuito ad aumentare l’identità multiculturale dell’americano, eliminando problematiche invece ancora presenti in molti paesi tradizionalisti e tendenzialmente conservatori, ma dall’altro può essere indice di insofferenza per l’italiano medio, abituato a piccole realtà e che magari non possiede una elevata conoscenza della lingua.

Il consiglio che si può dare allora in questi casi è quello, prima di tutto, di informarsi il più possibile sulla realtà cittadina del luogo in cui si vuole andare a vivere, magari anche grazie all’ausilio di Internet, che permette di raggiungere forum e siti web dedicati proprio agli italiani all’estero e nei quali è possibile confrontarsi con chi ha già fatto questo passo.

Il secondo punto importante è la conoscenza della lingua: prima di trasferirsi in America per lavorare, bisogna necessariamente conoscere l’inglese. Quindi, si può optare per un corso on line, oppure scegliere un corso di inglese sotto forma di vacanza studio, che permette anche di conoscere preventivamente la realtà americana e così di capire se la vita ed il lavoro in America è realmente ciò che fa per noi.

Le possibilità di lavorare in America dipendono essenzialmente da due fattori: la cittadinanza americana ed un visto particolare, che è chiamato “Green card”.

La cittadinanza americana

Per quanto riguarda la cittadinanza americana, essa è ottenibile in modo naturale alla nascita nel caso in cui si sia nati sotto il territorio americano o si sia figli di cittadini americani.

In altri casi, come quello che interessa noi, la cittadinanza è ottenibile attraverso il matrimonio con un cittadino americano, o per mezzo della cosiddetta “naturalizzazione”.

La Green Card

Più semplice è invece ottenere la cosiddetta “carta verde”, ovvero una documentazione che viene rilasciata a fini lavorativi e residenziali, per vivere e lavorare permanentemente negli Stati Uniti.

Ogni anno, inoltre, il programma Lotteria Visa degli Stati Uniti d’America mette a disposizioni oltre 50.000 green card a persone che provengono da ogni parte del mondo, tra cui 700 visti dedicati a cittadini italiani.

I requisiti per partecipare alla lotteria della Green Card sono i seguenti: diploma di scuola media superiore, oppure un’esperienza professionale di almeno due anni negli ultimi cinque anni in una professione.

In alternativa, essa è ottenibile tramite vincoli familiari o per mezzo della sponsorizzazione del datore di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *