Il mini prestito

Il mercato dei prestiti, in questo inizio 2012, è molto attivo. Nonostante si legga spesso che manca la liquidità e dunque in relazione a questo dato viene più difficile ottenere un prestito da banche ed agenzie preposte, esistono soluzioni interessanti. Uno dei prodotti più in voga è proprio il mini prestito. Il mini prestito arriva in soccorso proprio al momento giusto infatti la mancanza di liquidità spesso mette in “crisi” famiglie o chi, ha necessità di avere una somma da spendere senza dover dare troppe giustificazioni alle banche e alle agenzie.
Ma cosa è questo mini prestito e come lo si può ottenere?
Il mini prestito è un normalissimo prestito in liquidità che in genere viene rilasciato da banche e o agenzie ai propri clienti migliori, ma questa clausola si può ben aggirare diventato cliente dell’istituto. La proposta è quella semplice e normale di un prestito personale di liquidità solo che, essendo la cifra richiesta molto “piccola” ovviamente la sua restituzione avrà rate inferiori e tempo minore.

Il mini prestito ha alle spalle un intento nobile ed è nato in Oriente, ma una volta sbarcato in Occidente è subito stato strutturato in modalità confacenti alle esigente nel consumatore medio.
Avere soldi liquidi da spendere per le esigenze personali è una vera e propria comodità per tutti così chiedere un mini prestito diventa una necessità per molti. Le offerte di mini prestito hanno qualcosa in comune, quasi tutte, infatti si tratta di un piccolo prestito personale che permette di richiedere somme che vanno dai 1000 ai massimo 5000 euro anche se quasi tutti gli istituti di credito si fermano intorno ai 3000 euro, uno dei pregi maggiori della proposta è la massima flessibilità nella durata e nella possibilità di rimborso della cifra, in genere i tempi tecnici di rilascio, per i clienti, è quello di 48, 72 ore, e, il tempo previsto per la restituzione della somma va da minimo un anno a massimo 3 anni, quindi da 12 mesi a 36 mesi, sempre in piccole rate. In genere poi, il mini prestito viene rilasciato ad un cliente che non ha superato i 75 anni e la restituzione delle rate avviene tramite RID su conto corrente. Non è necessario produrre fatture o giustificazioni di spesa, e, non serve un immobile da ipotecare, ovviamente però in garanzia servirà una busta paga o un equivalente avvallo fatto da un familiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *