Come aprire un’attività di addestramento cani

caniUna delle attività che oggi possiamo ancora considerare come non molto conosciute è quella dell’addestramento cani: non sono infatti moltissime le persone che ad oggi riescono economicamente a permettere l’addestramento del proprio animale da compagnia, anche se il cane in effetti è ultimamente considerato più alla stregua di un membro della propria famiglia che come un semplice animale domestico.
La maggior parte delle persone che oggi decidono di adottare un cane, lo fanno sicuramente con una certa cognizione di causa ed in effetti sono sempre meno, per fortuna, i maltrattamenti sugli animali e le ripercussioni su di essi.
Quando si sceglie di adottare un cucciolo, tuttavia, vi sono delle condizioni e delle regole che in pochi adottano ma che in effetti sarebbero invece molto utili al fine di migliorare il proprio rapporto con l’animale e soprattutto la sua educazione: lungi dal voler a tutti i costi considerare il proprio cane come un bambino ed a paragonarlo addirittura ad esso, c’è da dire che sarebbe molto utile riuscire ad insegnare all’animale le regole basilari del comportamento da tenere in casa ed all’esterno.
Ovviamente nel nostro caso parliamo di regole elementari, come il riuscire a trattenere l’aggressività e soprattutto l’impeto di certi cani che, se non abituati sin da piccoli, possono impaurire le persone che incontrano in strada durante la passeggiata con il proprio padrone pur non avendo alcuna cattiva intenzione.
Questi comportamenti, se non vengono evitati o quanto meno limati, finiscono con il creare spesso problemi al padrone del cane, che si trova suo malgrado ad abbandonare l’animale o relegarlo in un tristissimo canile. Si calcola, secondo alcune recenti ricerche effettuate negli Stati Uniti d’America, che ogni anno circa il 75% per cento dei cani vengono ceduti o abbandonati dal proprietario a causa proprio di questi comportamenti inadeguati.
Utile quindi può essere iscrivere il proprio cane ad una scuola di addestramento per cani, che insegni all’animale, secondo esigenze ed interessi del padrone, a comportarsi in mezzo agli altri non disdegnando tuttavia l’implementazione di corsi specifici a titolo goliardico, che riguardano per lo più comportamenti legati al gioco ed al divertimento.
Una scuola di addestramento, se ben piazzata sul mercato delle attività e se il tutto viene seguito con una certa professionalità, può essere oltretutto una buona possibilità per aumentare i propri guadagni, per quanto questo dipenda sostanzialmente da una serie di fattori: tipo di formazione, località, durata del corso ecc.
I corsi partono dal semplice corso base fino a quelli più avanzati, che richiedono ovviamente maggiore competenza ma che possono dare anche maggiori soddisfazioni sia sotto il profilo economico che dal punto di vista personale e professionale: è chiaro però che per avviare un’attività di addestramento cani non ci si può improvvisare psicologo dei cani, ma serve una certa formazione ed una buona preparazione in fatto di psicologia canina, gestione del cane e meccanismi di apprendimento, ecc.
Per aprire un’attività di questo tipo occorre prima di tutto quindi individuare una buona scuola di formazione che offra tutta una vasta gamma di corsi da poter scegliere in base alle proprie esigenze, aspettative, ed anche alle proprie tasche: un corso di base per educatore cinofilo può anche raggiungere i 2000 euro, anche se questo varia in funzione di diversi fattori, ma la soddisfazione a lungo termine è davvero impagabile.
Una volta individuato il corso che fa alle proprie esigenze, ci si può poi specializzare e formare anche grazie ad una propria esperienza visto che l’educatore cinofilo raggiunge, con il tempo, una sua propria formazione professionale ed un approccio con i cani che è tutto personale.
Dal punto di vista burocratico, essendo questa attività relativamente nuova, è importante fare sempre riferimento alle normative regionali, anche se le difficoltà non dovrebbero essere ingenti visto che all’educatore professionale tocca soprattutto aprire una Partita Iva, lavorando appunto come lavoratore autonomo.
Se nella vostra zona non è stato ancora aperto un centro di questo tipo, se vi piacciono gli animali (e soprattutto i cani) e credete che essi siano dotati di una certa intelligenza, questo potrebbe essere davvero il lavoro che fa al caso vostro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *