Come aprire un centro estetico

centro esteticoUna delle attività e delle idee imprenditoriali che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede è quella del centro estetico, particolarmente legata ad un settore che sembra non temere la crisi: all’interno del centro estetico, infatti, si possono effettuare moltissimi trattamenti e questo sembra già un punto a favore per l’imprenditore che troverà sempre la propria clientela e che difficilmente attraverserà dei giorni in cui il rendimento sarà nullo.
Il centro estetico offre infatti la possibilità di essere sottoposti a trattamenti estetici e curativi, come il trucco, la manicure e la pedicure estetiche o curative, l’epilazione, i massaggi e molto altro ancora: si tratta infatti di un settore in ampia espansione, che attualmente sembra non essere colpito dalla crisi come molti altri.
Detto questo, può sembrare a questo punto molto utile spiegarvi, seppur a grandi linee e rimandandovi ad uffici più competenti nel dettaglio, quali passi e quali strade percorrere per aprire un centro estetico.
Prima di tutto, qualche considerazione di carattere generale: quando si decide di avviare un’attività, e nel particolare quando si decide di aprire un centro estetico, si hanno effettivamente due possibilità. Da un lato si può infatti scegliere di affidarsi al franchising, ovvero ad una azienda già conosciuta nel settore e con una comprovata esperienza, in grado di fornire tutta l’assistenza di cui si ha bisogno quando si è alle prime armi: in moltissimi casi, infatti, l’azienda presta il proprio “marchio” per far partire l’attività ma non solo quello. Scegliere di avviare un’attività in franchising, e in questo caso aprire un centro estetico in franchising, significa poter contare sull’esperienza di persone con una reale capacità tecnica, ma anche su corsi di formazione qualificata, e sul sostegno economico e pratico: l’azienda infatti è spesso in grado di garantire la fornitura delle apparecchiature, delle strumentazioni, dei prodotti e la loro manutenzione; è autorizzata a formare l’eventuale imprenditore ed il suo personale a svolgere quel lavoro; garantisce la sicurezza di un marchio conosciuto a cui affidarsi; offre il sostegno ed il supporto pratico e tecnico per evitare tutta una trafila di documentazioni e di pratiche burocratiche.
Non affidarsi al franchising significa quindi rinunciare a tutto questo, e doversi destreggiare in maniera autonoma tra uffici tecnici e documentazioni varie: tra le più richieste, le pratiche riguardanti l’ iter burocratico, tra cui la richiesta di idoneità igienico sanitaria alla Asl del proprio comune di residenza.
Anche i costi possono variare a seconda di diverse soluzioni: se da un lato il franchisor offre gli strumenti, gli apparecchi ed anche un buon sostegno pratico, aprire un centro estetico in autonomia significa pensare da sé all’arredamento, al locale, alle spese di gestione, ecc.
Inoltre, per poter avviare un centro estetico occorre necessariamente avere un titolo adeguato, ovvero un diploma di estetista qualificato: si tratta di un diploma ottenibile attraverso dei corsi specifici di formazione – offerti dal franchisor, nel primo caso – ottenibile mediante un esame regionale che va sostenuto solo dopo aver o frequentato un corso triennale riconosciuto dalla Regione, o partecipato al concorso per accedere al corso regionale biennale e poi versando un anno di contributi come dipendente in un centro specializzato oppure lavorando per tre anni come apprendista.
È poi necessario recarsi in Camera di Commercio e registrare la propria attività aprendo normale Partita Iva, ed iscriversi sotto la voce “Imprese artigiane”.
Vi sono alcuni casi in cui sono previsti dei finanziamenti a fondo perduto per le nuove imprese creative o innovative o per l’imprenditoria femminile, ma questo dipende sostanzialmente dalla regione, dal periodo, e dalle varie attività: per questo è sempre utile contattare l’ufficio del Comune di residenza o ancora meglio la Camera di Commercio e chiedere informazioni riguardo i bandi e le scadenze nonché le varie regolamentazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *