Come aprire una gelateria

Una delle migliori attività esistenti al giorno d’oggi è quella della gelateria: infatti, il settore legato alla ristorazione è in generale un settore che non conosce crisi, anzi le ultime statistiche calcolano che il consumo pro capite annuo di gelato sia pari a circa 11 kg. Per dirla tutta, pare che proprio il gelato artigianale – grazie anche alla scoperta ed all’invenzione di gusti sempre nuovi, alcuni dei quali davvero originali ed in grado di stuzzicare la curiosità della gente – stia avendo la meglio su quello confezionato, che invece sta conoscendo un periodo di minore consumo.
Tuttavia, anche per aprire una gelateria ci sono alcune regole da seguire, e soprattutto non bisogna dimenticare che non ci si può improvvisare gelatai, ma bisogna essere bravi, in gamba, e soprattutto preparati: la preparazione, perciò, sta alla base di questo genere di attività, che può riscuotere un buon successo se si offre un gelato di ottima qualità. Tutti sono  in grado di riconoscere un buon gelato da uno preparato male o con ingredienti che non siano di buona qualità, e poiché il cliente è la miglior pubblicità, considerate quanto sia importante fare una buona impressione attirando sempre più clienti nella vostra rete commerciale.
In generale aprire una gelateria è fortemente consigliato soprattutto per coloro che vogliano avviare un’ attività a conduzione famigliare, che può essere utile soprattutto durante la fase iniziale, ovvero quando non si è ancora ben inseriti nel settore e si può andare incontro periodi di magra con profitti non elevati: mantenendo una conduzione famigliare si possono abbattere i costi di manodopera, e questo può rivelarsi importantissimo soprattutto nella fase di start up e durante il primo anno di attività, poiché generalmente una gelateria per generare utili necessita di un periodo di tempo che varia da 1 a 5 anni a seconda dell’abilità dell’imprenditore e di altri fattori secondari.
Cosa serve per aprire una gelateria?
1.    La formazione. Come abbiamo detto, non ci si può in alcun modo improvvisare gelatai, pertanto è importante dotarsi di una buona dotazione professionale. Per questo motivo, esistono due possibilità: la prima è quella di provvedere da soli, prendendosi carico personalmente di tutte le spese dovute al locale, all’ acquisto della materia prima, alla formazione propria e degli eventuali collaboratori. Questo può essere un passo rischioso e dispendioso, ma se dimostrate di essere un buon imprenditore con la giusta creatività ed una buona dose di iniziativa, potreste ottenere elevati guadagni e grandi soddisfazioni personali nonché, chiaramente, professionali. La seconda possibilità è quella di appoggiarvi ad un marchio già registrato, interessato magari ad avviare un franchising nella vostra zona: in questo caso, non avreste grosse responsabilità e tutte le spese di formazione e relative a manutenzione ed assistenza sarebbero dimezzate, se non addirittura nulle in qualche caso. Lo svantaggio è che in questo modo la crescita professionale può essere limitata e, poiché generalmente questi marchi sono molto esigenti, potreste dovervi ritrovare a pagare alte percentuali sulle vendite, con un grosso svantaggio sotto il profilo economico. Il vantaggio, invece, è come abbiamo detto non solo quello di ricevere gratuitamente assistenza e formazione, nonché eventuali corsi di aggiornamento, ma anche quello di potervi affidare a personale esperto che sappia garantirvi una buona assistenza sotto il profilo burocratico e professionale.
2.    La licenza.  Essa varia chiaramente in base al tipo di gelateria che si vuole avviare:  ci sono infatti delle sostanziali differenze tra una vera e propria gelateria artigianale oppure un bar – gelateria.
3.    Il locale. Anche questo è un punto da considerare in funzione al tipo di attività che si vuole portare avanti, ma resta tuttavia importante la zona nella quale aprire la gelateria: meglio se in quartieri affollati della città, magari centrali, per attirare a sé una sempre maggiore e migliore clientela.

0 pensieri su “Come aprire una gelateria”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *