Aprire un bed and breakfast

Il bed and breakfast è una forma di ospitalità simile per alcuni aspetti a quella presentata dagli hotel ma che se ne differenzia per alcuni aspetti: primo tra tutti, il fatto che mentre gli hotel generalmente offrono un pacchetto “completo” di pernottamento, prima colazione, pranzo e cena – questo vale in generale, anche se alcuni alberghi si stanno lentamente avvicinando alla formula del bed and breakfast pur tuttavia mantenendo dei prezzi ancora troppo elevati – i bed and breakfast si limitano al pernottamento ed alla prima colazione, con il grosso vantaggio di abbattere di molto i prezzi e di vivere a stretto contatto con la gente del posto..
In effetti, si potrebbe dire che la formula esistente nei bed and breakfast è piuttosto innovativa ed anche abbastanza positiva, non solo dal punto di vista prettamente economico: spesso, infatti, chi va in vacanza ha bisogno e voglia di visitare il più a lungo possibile la città nella quale alloggia, e per questo motivo può essere una seccatura il dover rientrare nell’hotel per il pranzo e la cena. D’altronde, se questi sono stati già pagati, è anche piuttosto comprensibile che la gente non abbia voglia di spendere ulteriore denaro per mangiare fuori, ed il risultato va tutto a scapito non solo del portafogli, ma anche della gita stessa, che verrebbe spezzata dal dover rientrare in hotel.
Nella formula presentata dal bed and breakfast – che è nata e si è sviluppata prima di tutto nei paesi anglosassoni – il pacchetto comprende generalmente solo il pernottamento e la prima colazione, con il chiaro vantaggio di non esser “costretti” a rientrare per l’ora dei pasti, potendo così prolungare la giornata turistica fermandosi magari a mangiare un boccone da qualche parte.
Fatta questa lunga ma doverosa premessa per farvi capire quanto può essere utile avviare un bed & breakfast, passiamo alla parte relativa a burocrazia, requisiti necessari, ecc.

1.    I requisiti necessari per aprire un bed and breakfast: il primo è più importante è quello di risiedere all’interno dell’abitazione stessa che verrà adibita a B&B. Qualora venisse meno questo requisito, infatti, non si potrebbe più parlare di bed and breakfast ma di semplice hotel o affittacamere. Il secondo requisito – che più che un requisito è una vera e propria regola da rispettare – riguarda il tempo massimo in cui l’attività ricettiva può rimanere aperta: essa deve essere non continuativa, e questo significa che è prevista una interruzione di 90 giorni (anche non consecutivi) nel corso dell’anno e ciascun ospite non deve soggiornare per più di 30 giorni consecutivi. Inoltre, i requisiti propri di ogni attività generalmente variano da regione a regione, e per questo motivo è sempre bene informarsi presso il comune di residenza per capire meglio quali sono le normative che si applicano alla regione in cui abitate ed intendete avviare l’attività: ad ogni modo, le abitazioni devono avere non più di 3 camere ( per alcune regioni come Emilia Romagna e Abruzzo non più di 4 ), arredate con il necessario e per un massimo di 6 posti letto, anche se, a seconda della regione, il numero di posti può variare. Per quanto riguarda gli spazi, anche questo è un fattore che va considerato il base alle normative vigenti nelle diverse regioni, più in generale diremo che le stanze doppie devono essere minimo di 14 mq, mentre le singole di 8 mq.

2.    La parte burocratica per aprire un bed and breakfast: in questo caso non si può propriamente definire nota dolente, in quanto, visto il carattere occasionale dell’attività, non è necessario aprire la partita IVA, nè rilasciare ricevute fiscali agli ospiti. Quali sono pertanto le regole da adempiere per avviare l’apertura dell’attività? Prima di tutto è necessaria una denuncia di inizio attività presso l’ufficio turistico del comune di residenza, al quale andranno chiaramente anche comunicati i prezzi che si intendono praticare. A questo punto il comune autorizza l’attività e i prezzi con il timbro comunale vanno affissi nelle stanze degli ospiti.
Concludendo, aprire un bed and breakfast può rappresentare un’ottima idea per mettersi in proprio o solo per integrare il proprio reddito, a patto che, si abbiano una o più stanze da riservare agli ospiti.

0 pensieri su “Aprire un bed and breakfast”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *