E-Commerce, facciamo una stima sui costi

Nell’era del web 2.0 sempre più persone si affacciano all’ecommerce. C’è da giurare che da qui ai prossimi 30 anni i numeri continueranno ad aumentare . Ecco perchè oggi si avverte sempre più la necessità di essere online . Molte attività fisiche infatti cominciano a drizzare le orecchie e capiscono quante opportunità commerciali potrebbero nascere da internet . Esserci sempre e ovunque è una cosa che non ha prezzo . Questa modalità low cost di vendere  darà a molte botteghe cittadine la possibilità di allargare i propri orizzonti e vendere i propri prodotti anche in tutta Italia o addirittura all’estero .

Purtroppo , come sempre più botteghe venderanno , altrettante resteranno a guardare oppure si affacceranno al mondo dell’e-commerce in maniera inadeguata , perdendo opportunità preziose di crescita per il loro fatturato .

Proviamo in questo articolo a fare una stima sui costi necessari per affrontare nel modo migliore l’avventura dell’ e-commerce  . Abbiamo individuato 5 fasi INDISPENSABILI per la buona riuscita di un E-Commerce :

FASE 1 : INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI PRODOTTO DA VENDERE

Siete in fase di star-up . Per adesso avete ben chiara solo un’idea : vendere sul web . A meno che non abbiate già dei prodotti da vendere (ma in questo blog parliamo di ecommerce in senso genrale) , in questa fase vi dovrete concentrare su cosa sarete in grado di vendere a livello concorrenziale . Dovrete quindi analizzare la questione del fornitore e dei prezzi della concorrenza . Dovrete cercare un buon fornitore che vi consentirà di vendere i vostri prodotti con un buon margine di guadagno rispetto alla concorrenza .

per maggiori info : come trovare un grossista di fiducia .

FASE 2 : ” EHI AMICO , IO VENDO E SONO QUI ! “

Individuato cosa vendere e dove comprarlo (a tal proposito , valutate attentamente anche il sistema di vendita in dropshipping , come spiegato in QUESTO articolo), dovrete capire come fare a far sapere alla gente che vendete quel tipo di prodotto . Scoprirete che dovrete lavorare attentamente sul posizionamento nei motori di ricerca del vostro sito e vi consigliamo di iscrivere i vostri prodotti più concorrenziali a dei comparatori di prezzi  (es . trovaprezzi , kelkoo , twenga ecc..) .

FASE 3 : IL SITO

Solo adesso sarete pronti alla realizzazione del vostro sito . Forse i meno esperti potrebbero pensare che il sito andrà realizzato prima del posizionamento . Ciò è vero in senso pratico , ma non è vero in fase di “brainstorming” del vostro ecommerce . Dovrete infatti prevedere cosa il vostro ecommerce dovrà essere in grado di fare , per non rischiare di fare cambiamenti in corsa che potrebbero costarvi molto tempo e denaro . Adesso quindi saprete come dovrebbe essere il vostro sito. Dovrà essere ottimizzato per i motori di ricerca (e posizionato) avere la possibilità di creare automaticamente i feed txt e xml per i comparatori  di prezzi e dovrete studiare con quali chiavi posizionare il sito sui motori di ricerca. Mediamente un sito per iniziare a comparire sulla prima pagina di google con chiavi un minimo competitive richiederà almeno 7-8 mesi, solo quando ad un certo punto vi troverete dei colossi fra i concorrenti , fra cui gli stessi comparatori di prezz , potrete dire di aver fatto un buon lavoro .
Ovviamente il sito dovrà essere esteticamente gradevole e facilmente navigabile .

4)L’assistenza.

Se venderete oggestica o roba tecnologia che ha bisogno di manutenzione , dovrete essere in grado di soddisfare ogni richiesta dei vostri clienti . Un nostro consiglio è quello di accordarsi con delle aziende specializzate nell’assistenza dei vostri prodotti , dandogli in cambio una % sul fatturato finale .Diversamente rischierete di perdere la fiducia dei vostri clienti . E tutti sappiamo quanto un feedback negativo di più clienti possa essere dannoso sul web .

5) Le tasse
Mediamente spenderete di tasse e commercialista intorno ai 300 euro al mese per contributi e tasse sul commercio (anche se fatturerete zero euro ) più una percentuale sul fatturato finale , solitamente tra il 30 – 40% (qua chiedete sempre al vostro commercialista per essere più sicuri ) .

Quindi quanto costa un ecommerce?
Dipende . Usando un CMS risparmiereste molto , ce ne sono molti online (prestashop , oscommerce , xcart , wp-commerce ecc…) . Se invece ve lo fate fare ad hoc da una ditta specializzata spenderete molto di più , anche 5000 euro .
Per la pubblicità mensile spenderete dai 300 ai 500 euro almeno , tutto ciò varia in base al tipo di prodotto , se fa parte di una nicchia o se la concorrenza è sfrenata ,  e dalla disponibilità economica che avrete a disposizione .
Infine , come già detto ,  per le tasse e le spese per il vostro commercialista  , spenderete circa 300 euro al mese + una % alta del fatturato.

Ovviamente a tutto ciò vanno aggiunte le spese per l’acquisto dei vostri prodotti , le spese di magazzino e le spese di spedizione se intendete spedire con il metodo “spedizione compresa” .

RISULTATO :

Vendere online in futuro arricchirà sempre di più chi venderà a prezzi buoni e non avrà fretta di vendere . Inoltre saranno sempre più necessarie competenze di SEO , Web Marketing e Social Media Marketing , competenze che andranno sempre più commissionate a degli specialisti per il settore se si vuole raggiungere un risultato considerevole .

0 pensieri su “E-Commerce, facciamo una stima sui costi”

  1. Ovviamente non tutti al Sud si compranno un pacchetto di 300€ uguale agli altri senza personalizzazione e senza indicizzazioni.

    Noi realizziamo progetti personalizzati che in dodici
    mesi di lavoro assiduo arrivano anche a 12 k € di investimento.Se si guarda in alto si arriva sempre + in alto e + in fretta.
    Saluti

    1. Ciao,

      anche secondo me un ecommerce richiede un minimo di sviluppo e con 300€ si arriva a fare ben poco. Ci vuole un’attenta pianificazione del business plan, una ottima campagna SEO e SEM, una solida campagna di advertising soprattutto per le keywords vincenti, una costante analisi delle statistiche, anche quando gli affari vanno a gonfie vele, e un ecommerce ben strutturato in ogni singolo dettaglio, sia grafico che funzionale. Per fare ciò è necessario un team di sviluppo dedicato, almeno un programmatore bravo che sappia smanettare sui vari linguaggi (es. php), un bravo SEO, SEM, che conosca le tecniche per promuovere prodotti e servizi online e sui maggiori canali di social networking, un bravo marketing manager che scriva un dettagliato business plan, con analisi costi e benefici e proiezioni sia trimestrali, semestrali, annuali che a lunga scadenza. Infine un ottimo designer che “disegni” l’interfaccia web. Ber fare un lavoro coi fiocchi a volte pure 12k € risultano pochi. Ciauz 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *