Trattamento dell’acne infiammatoria (grado II e grado III)

Se l’acne è in forma lieve e si manifesta con comedoni, papule e pustole viene raccomandato un trattamento topico, che prevede l’utilizzo di antibatterici sulla pelle come perossido di benzoile, eritromicina e clindamicina. Questo tipo di acne, generalmente , se non si manifesta in forma molto grave, non lascia cicatrici. E’ perciò importante effettuare dei trattamenti quotidiani.
-Perossido di benzoile: è il farmaco più utilizzato per curare questa forma di acne, cioè nei casi di acne leggermente infiammata, è un antibatterico che generalmente nelle prime settimane di applicazione provoca rossore ed irritazione. E’ consigliabile non utilizzarlo in concomitanza con l’acido retinoico, ma se proprio non si può farne a meno non deve assolutamente essere applicato insieme.
Si trova sotto forma di crema, consigliata per coloro che hanno la pelle secca, o si trova in gel consigliato per coloro che hanno la pelle grassa.
Per cominciare il trattamento è consigliabile l’utilizzo quotidiano di creme o gel a bassa concentrazione, e semmai solo in alcuni casi questa concentrazione può essere aumentata.
L’applicazione deve essere fatta durante la notte e poi la mattina dopo bisogna lavarsi accuratamente il viso.

L’eritromicina e la clindamicina per l’utilizzo topico si trovano in forma di creme, gel, soluzioni alcoliche e lozioni, tutte efficaci allo stesso modo e che se combinate con il perossido di benzoile hanno un effetto maggiore, poiché prese da sole sembra abbiano una dubbia efficacia.
-Eritromicina: come abbiamo già detto si presenta sotto forma di crema o gel, deve essere applicata due volte al giorno ed è più efficace se utilizzata in combinazione con il perossido di benzoile.
-Clindamicina: è un antibatterico anche questo più efficace se combinato con il perossido di benzoile. Va applicato due volte al giorno e come l’eritromicina non ha significativi effetti collaterali, tranne che può causare una leggera dermatite da contatto.
I medicinali ad uso topico per curare l’acne infiammatoria dovrebbero essere applicati su tutta l’area interessata anche su comedoni e papule. Bisogna ricordarsi che nei trattamenti prolungati, questi medicinali possono causare delle lievi dermatiti, soprattutto sul collo e intorno agli occhi, ma che possono essere facilmente controllabili interrompendo l’applicazione per due o tre giorni nella zona interessata ed utilizzando creme con una bassa concentrazione di corticosteroidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *