La pulizia della pelle

La pulizia della pelle è una parte importante della nostra routine quotidiana. La pulizia prevede la rimozione di polvere, batteri, oli, cellule morte, sudore e altri detriti dalla superficie della pelle. Purtroppo, anche la pulizia a secco può irritare o infiammare la pelle particolarmente sensibili, specialmente nei bambini e negli anziani, come nel caso della dermatite topica. La pulizia della pelle aiuta a liberare i pori dalla secrezione delle ghiandole sebacee e ghiandole sudoripare. Il PH è una misura molto utile per valutare un detergente da usare sulla pelle.

Tipi di detergenti per la pelle
In generale, i detergenti con PH alcalino o basico non sono tollerati dalla pelle bene come i detergenti a PH acido. Un PH di 7.0 è neutro (un cambio di 0,5 in entrambe le direzioni è ancora considerata neutra). Un PH superiore a 7.5 è alcalino o basico. Un PH inferiore a 6,5 è acido. Il PH della pelle è 5.5. Il PH acido aiuta a proteggere la pelle e si chiama l’acido “mantello”. I prodotti per la pulizia con un PH acido non alterano il mantello acido come fanno i detergenti alcalini.
Ci sono quattro tipi di detergenti per la pelle:
– Saponi
– Syndet, detergenti non fatti con sapone , ma con tensioattivi, ad esempio il sapone liquido
– Creme, senza sapone liquido (syndet).
– Latte detergente libero da olio (oil-free).

Tipi di sapone
I saponi sono costituiti da sali di sodio di grassi animali e vegetali. Sono alcalini con un PH che va da 9 a 10. Di conseguenza, possono irritare la pelle, in particolare la pelle già sofferente o sensibile. Questi saponi lasciano un residuo sulla pelle.
• La maggior parte dei saponi sono opachi, ma ci sono anche saponi trasparenti. I cosiddetti saponi di glicerina contengono ingredienti come l’alcol, glicerina e zucchero per la produzione di un schiuma chiara e liscia.
•I saponi molto grassi contengono una grande quantità di grasso o olio nel tentativo di lasciare una patina oleosa protettiva sulla pelle.
•I saponi deodoranti contenenti antisettici topici per inibire la crescita batterica.
Schiume Sintetiche
Sono detergenti che sono stati sviluppati circa 50 anni fa come un aggiornamento per il sapone. Essi contengono tensioattivi sintetici come agenti di pulizia. I pezzi di sapone di sintesi sono molto meno irritante del sapone normale e non lascia residui di sapone sulla pelle.

Gel Sintetici
Sono state sviluppate in Europa circa 15 anni fa come un miglioramento del normale sapone liquido. Essi contengono tensioattivi sintetici come agenti di pulizia. Questo tipo di sapone è molto meno irritante delle normali saponette e non lascia residui di sapone sulla pelle.
Saponi
Ci sono differenze tipi di saponi per la pelle. I saponi si differenziano per il loro aspetto, l’odore, il costo e la composizione. Per esempio, i saponi molto grassi contengono materiale grasso in eccesso, lasciando un residuo di olio sulla pelle. L’intento è quello di migliorare la scorrevolezza. Alcuni saponi trasparenti contengono glicerina e una quantità più varia di grassi vegetali. Altri saponi non mantengono ulteriormente il mantello acido della pelle. Alcune persone preferiscono saponi liquidi, altri preferiscono i pezzi di sapone. Alcuni saponi possono essere prodotto per scopi specifici. La scelta del sapone più opportuna dipende da molti fattori, tra cui l’età, la struttura della pelle, problemi della pelle e delle esigenze personali. E’ molto importante conoscere il PH del sapone. Nell’infanzia sono raccomandati i saponi a PH neutro, mentre con l’avanzare dell’età sono più desiderabili quelli con il PH acido.

L’uso di saponi per età
Tutti i saponi sono efficaci per la pulizia. Tuttavia, a causa dell’età, l’ereditarietà, il clima, il tipo di pelle e della cultura, ci sono molte opzioni per quanto riguarda i metodi adeguati per la pulizia della pelle. Nel lattante la pelle ha le ghiandole sebacee che non sono molto attive.
Tuttavia, le ghiandole sudoripare sono molto attivi. Si consiglia l’acqua calda per la doccia o nella vasca da bagno. È possibile utilizzare sapone neutro con PH neutro per rimuovere il grasso dalla pelle. Si consiglia l’uso di spugne molto morbide, che non irritano la pelle. Dopo quella vasca deve applicare un latte per il corpo a PH neutro che non causa prurito sulla pelle del bambino. La zona del pannolino richiede un’attenzione particolare. I pannolini sporchi devono essere cambiati spesso per evitare l’irritazione dovuta da urina e feci. L’eliminazione del materiale fecale può richiedere strofinando delicatamente con un batuffolo di cotone imbevuto di una soluzione o un detergente oleoso o salviette per i bambini. Il sapone dovrebbe essere evitato se ci sono delle irritazioni o delle eruzioni cutanee. Non si richiede una grande quantità di sapone in questa fase della vita. Dopo ogni cambio del pannolino sulla pelle dovrebbe applicare una crema protettiva con ossido di zinco.
Durante l’infanzia. Quando il bambino cresce aumenterà la necessità di sapone. Anche in questo caso, tuttavia, se c’è una eruzione cutaneo, il sapone dovrebbe essere evitato.
Può essere particolarmente difficile usare del sapone nei ragazzi o nelle ragazze che hanno dermatite topiche, una condizione di secchezza e della pelle squamosa. In questi casi, si raccomanda l’utilizzo di saponi con farina d’avena o estratti di Mimosa.
Nell’adolescenza. La necessità di sapone e di bagni al giorno, aumenta. Le ghiandole sudoripare e sebacee, ora, operano in modo più efficiente e in grado di sopportare l’uso ripetuto di sapone. Dalla pubertà all’età adulta (dai 13 ai 19 anni), le ghiandole sebacee funzione al massimo della loro capacità. Ciò è particolarmente vero per il cuoio capelluto, la fronte, il viso e la parte superiore del petto, infatti si presenta spesso un certo grado di acne e pelle grassa. Fare la doccia o la vasca da bagno deve diventare un’abitudine. Spesso il lavaggio del viso può ridurre il grasso e contribuire ad alleviare un po ‘di acne.
Negli anziani. La pelle invecchia, le ghiandole sebacee secernono molto meno sebo. Il sapone può iniziare a causare un grado indesiderato di secchezza. Questo varia da persona a persona., infatti altre persone possono eseguire lavaggi con il sapone per lungo tempo, senza effetti negativi.
Le variazioni stagionali incidono sulla pelle e questo deve essere preso in considerazione. Il freddo, il vento, il sole e altri fattori ambientali svolgono un ruolo nello sviluppo della pelle secca. Se il sapone è usato molto spesso nell’età avanzata della vita può essere in grado di sviluppare xerosi (pelle secca). E ‘meglio ridurre l’uso del sapone, soprattutto nelle gambe (questo è altamente consigliato in inverno). Le operazioni di pulizia possono essere sostituite con creme o lozioni. Alcune zone del corpo, tuttavia, possono richiedere l’uso continuato di sapone. Le pieghe del corpo sono le zone in cui il sapone deve continuare ad essere usato. . E ‘anche molto importante idratare la pelle dopo il bagno soprattutto nei pazienti con pelle secca.

Pulizia con latte detergente
E’ utilizzato per rimuovere il make-up dal viso e dagli occhi come un sostituto del sapone, ed è particolarmente adatto per la pelle secca. Funzionano formando un’emulsione con il grasso e i detriti e così il trucco può essere rimosso. Alcuni contengono anche un idratante e un lenitivo, da utilizzare a seconda del tipo di pelle, comprese le più sensibili e fragili e anche per la salute dei bambini nella zona pannolino, in quanto non contengono profumi o alcool. Si applica direttamente sulla pelle con la mano o impregnato su un pezzo di cotone e si passa su aree da pulire. Dopo l’essiccazione, il latte in eccesso viene tolto delicatamente con un asciugamano e la pulizia è completata mediante l’applicazione di una lozione tonica in base al tipo di pelle. E’ consigliato di alternare l’uso di questi tipi di latte per la pulizia del viso con prodotti senza sapone.

La pelle secca o xerosi
La pelle secca, detta anche xerosi, è una condizione dermatologica comune. I sintomi includono desquamazione, secchezza e prurito, che può verificarsi in qualsiasi momento della vita.
Alcuni bambini possono avere prurito o prurito con pelle secca nella dermatite topica. La pelle secca è comune nelle persone oltre i 60 anni.
Alcune persone hanno una predisposizione genetica per la pelle secca, squamosa (ittiosi). Altri sviluppare desquamazione e secchezza della pelle a causa di malattie interne o cutanee dopo l’esposizione a fattori ambientali difficili, a farmaci sistemici (retinoidi), o di attualità (agenti di acne, abrasivi, retinoidi), l’eccessiva esposizione ai saponi e detergenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *