Cure mediche prescritte contro l’acne

Generalmente la terapia contro l’acne inizia con l’utilizzo di farmaci ad uso topico (ad esempio, il perossido di benzoile), quindi gli antibiotici per via orale (o una combinazione) ed infine un trattamento con l’isotretinoina.
L’isotretinoina è un medicinale utilizzato per la cura dell’acne, per via topica nelle forme più lievi e per via orale nelle forme più acute. E’ un retinoide, cioè un derivato della vitamina A che si trova già naturalmente in piccole quantità nel nostro organismo. Infatti, una precoce ed efficace terapia contro l’acne, per favorire la riduzione della secrezione del sebo, è stata data dall’abbondate assunzione di vitamina A, una vitamina solubile nei grassi. I farmaci più comuni che contengono l’isotretinoina sono Accutane o Roaccutane (Roche), Isotrex o Isotrexin (Stiefel).
Prima dell’utilizzo dell’isotretinoina, nelle forme più gravi di acne, venivano utilizzati gli antibiotici come le tetracicline e l’eritromicina. Questi farmaci hanno ampiamente dimostrato la loro efficacia, anche se lavoravano contro un solo battere il Propionibacterium acnes, ma lentamente divennero sempre meno efficienti nel tempo, poiché sempre più ceppi batterici resistevano alla cura.

Lo sviluppo del farmaco derivato dall’acido retinoico, e il suo rilascio nel 1982 da Hoffmann de La Roche, è stato un grande passo in avanti nella terapia contro l’acne, portando sempre maggiori benefici. Nel febbraio 2002, le autorizzazioni alla Roche per l’isotretinoina sono scadute, così ora ci sono molte altre aziende che producono lo stesso farmaco a meno costo.
Oggi, l’isotretinoina è generalmente consigliato come ultimo mezzo per sconfiggere l’acne, cioè dopo l’aver effettuato tutti i possibili trattamenti senza però riscontrate risultati positivi. Questo è dovuto al fatto che altre terapie hanno molti meno effetti collaterali e soprattutto un costo inferiore, anche se spesso viene offerto su internet senza bisogno della prescrizione medica e a costi inferiori.
Contrariamente alla precedente dichiarazione, se l’isotretinoina è preso in quantità minime, molti degli effetti collaterali sono ridotti o inesistente.
L’isotretinoina riduce drasticamente la secrezione di sebo e restringe le ghiandole sebacee, favorisce la cheratinizzazione dei comedoni e la formazione dei punti neri. L’esatto meccanismo d’azione non è noto, tuttavia è chiaro che come altri retinoidi, l’isotretinoina agisce modificando la trascrizione del DNA provocando così la riduzione della dimensione e la produzione delle ghiandole sebacee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *