Acne ormonale

L’acne è la malattia della pelle più frequente e più fastidiosa che può colpire chiunque senza fare distinzione di sesso, età o razza, anche se generalmente colpisce per la maggior parte dei casi le persone dai 20 ai 40 anni provocando , oltre a problemi estetici, anche dei problemi psico-sociali.
Purtroppo per le donne nel momento in cui, dopo tutte le possibili cure e trattamenti, la situazione non migliora, la causa dell’acne si può imputare agli ormoni, sviluppando così l’acne ormonale. Circa il 50% delle donne adulte di tutto il mondo soffre a causa dell’acne ormonale e lotta contro questi segnali ormonali cercando e sperimentando tutte le cure e i trattamenti possibili per liberarsene.
Si pensa che la presenza di complesse combinazioni ormonali nell’organismo femminile e il loro comportamento irregolare nell’età della pubertà, nel periodo premestruale e durante la gravidanza, siano la ragione principale per cui nell’età adulta si manifesti improvvisamente l’acne ormonale.
Gli scienziati dell’ “American Academy of Dermatology” e molti dermatologi credono che la causa dell’inizio dell’acne ormonale sia dovuta all’ormone maschile androgeno, sia nell’età della pubertà che nell’età adulta. Si chiama ormone maschile anche se è presente sia nel sesso maschile che in quello femminile.
All’inizio della pubertà, un aumento del livello ormonale androgeno nell’organismo, induce le ghiandole sebacee a secernere più sebo sotto lo strato epidermico della pelle. L’eccesso di sebo, invece di raggiungere la superficie della pelle per essere espulso, ostruisce i follicoli piliferi e unendosi alle cellule morte della pelle, causa delle piccole lesioni di acne. La presenza di olio sulla pelle incoraggia il battere P. acnes a proliferare all’interno di questa piccolo lesione, causando un’infiammazione grave e molto dolorosa.
Negli uomini, generalmente il livello di androgeno è maggiore intorno ai 20 anni, poiché aiuta nel processo di sviluppo dell’organismo, poi, passata questa fase è molto difficile trovare questo ormone a livelli elevati, infatti solo il 10% degli uomini adulti è colpito dall’acne ormonale.
Purtroppo, invece nelle donne, la crescita di questo ormone si verifica durante il periodo premestruale e nella gravidanza, causando dei problemi di acne grave, che non è possibile risolvere con dei trattamenti generici, come creme ad uso topico, ma è necessario recarsi da un dermatologo per farsi consigliare la cura adeguata o il trattamento migliore.
Per capire se l’acne che si manifesta è l’acne ormonale, bisogna considerare un qualsiasi squilibrio ormonale che si manifesta, come:
-Se l’acne appare per la prima volta nell’età adulta e perciò prima non vi era mai stata diagnosticata;
-se l’acne si manifesta improvvisamente dopo molto tempo che era scomparsa completamente;
-se non scompare con l’utilizzo dei farmaco standard;
-se l’acne peggiora nei giorni premestruali o in gravidanza;
-se, oltre all’acne, si stanno manifestando dei sintomi di irsutismo.
Trattamenti
Non è impossibile curare l’acne ormonale, bisogna sicuramente rivolgersi ad un dermatologo che in base a molti fattori determini il trattamento più adatto.
I principali trattamenti sono 3:
1) Trattamento con pillole contraccettive. I medici possono prescrivere delle pillole contraccettive per alleviare l’acne ormonale causata dalla fluttuazione ormonale.
Queste pillole sono preparate con l’utilizzo di due ormoni: estrogeno e progestinico, che in alcune pillole possono anche essere utilizzati insieme.
L’estrogeno è utilizzato per controllare le produzione di androgeni nel corpo femminile, mentre il progestinico lavora come agente antiandrogeno, che se utilizzato sotto forma di pillola funziona come l’estrogeno per ridurre la formazione dell’acne ormonale.
2) Trattamento con corticosteroidi per via orale. Questi farmaci antiinfiammatori vengono prescritti per sopprimere la produzione di ormoni maschili ed attenuare l’infiammazione dovuta alle lesioni dell’acne.
3) Trattamento con spironolattone. Il debole effetto antiandrogeno di questo farmaco, è molto utile per ridurre al minimo i focolai di acne nel periodo premestruale. Nelle donne adulte, generalmente viene prescritto insieme alla pillola anticoncezionale.
Effetti collaterali
La terapia ormonale può causare una serie di effetti collaterali che possono essere tra quelli in forma più lieve a quelli in forma più grave.
Alcuni effetti indesiderati possono essere nausea, aumento di peso, tensione mammaria, mal di testa, assottigliamento delle ossa, depressione, sbalzi d’umore e irregolarità delle mestruazioni.
Se dovesse presentarsi qualsiasi effetto indesiderato di questo tipo o anche di altri tipi, mentre siete sottoposti ad una terapia contro l’acne ormonale, è necessario consultare un medico che vi possa consigliare nei migliore dei modi.

0 pensieri su “Acne ormonale”

  1. Salve…avrei una domanda da porre! Dopo quanto tempo di cura ormonale l’acne comincia ad alleviarsi? Grazie in anticipo!

  2. Cioè praticamente sono tutte cure che hanno come controindicazione la gravidanza,quindi se si vuole combattere l’acne ormonale è necessario rinunciare al desiderio di avere un figlio?Spero di no perchè anche a me proprio ieri è stata prescritta la pillola Yasmin per contrastare l’acne, ma ho deciso di non prenderla,poichè risolve il problema durante la cura,ma non assicura al 100% che dopo l’interruzione della pillola l’acne non ricompaia,perciò mi chiedo,a questo punto,realizzo il mio desiderio di diventare mamma sperando che l’acne si riassorba miracolosamente da sola,oppure c’è qualche metodo per combatterla anche in gravidanza?Grazie a tutti !!!

  3. Ho seguito tutte le cure soprascritte, trane spironolattone perché il mio dermatologo non mi fa la richiesta, ho 50 e dalla prima mestruazione che soffro d’acne, non ne posso più anche per via delle cicatrici e un viso deturpato cosa posso fare?

  4. Ho 30 anni e non porto più il conto di quanti anni ho ‘perso’ dietro alle cure ormonali per risolvere, tra le altre cose, anche il problema dell’acne (che ho principalmente su petto e schiena). Ho terminato solo da qualche mese la cura con pillola Dueva portata avanti per 12 mesi e sono stata da Dio in questo ultimo anno. Ora mi guardo allo specchio e sono nuovamente un mostro! La pillola per ora non posso riprenderla perché dopo averla assunta per così tanto tempo devo dare un po’ di tregua al mio corpo…ma possibile che non ci siano metodi alternativi che non comportino tutte queste controindicazioni? Mi dicevano “passerà…”…sto ancora aspettando…

  5. Sono in gravidanza e mi dispero x
    Perché sono piena di bollicine nel viso nel petto e nella schiena un aiuto non ci credo che non c’è una soluzione ?? Mi sento un mostro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *