Acne fulminante

L’acne fulminante, chiamata anche acne febbrile ulcerativa, è una forma rara, devastante e molto grave che si presenta in modo improvviso dopo un trattamento riuscito di un’altra forma di acne soprattutto nel sesso maschile.
L’acne fulminante è una malattia immunologica indotta nella quale l’elevato livello di testosterone provoca un aumento di sebo e del battere P. acnes.
L’acne fulminante inizia con dolore e infiammazione delle articolazioni, proseguendo con febbre, abbassamento dei globuli bianchi nel sangue, gonfiore dei linfonodi situati alla base del collo, causando rigidità al collo stesso con conseguente gonfiore dei nodi. Quando questo gonfiore passerà ci sarà un’infiammazione e un gonfiore delle articolazioni e perdita dell’appetito. Dopo qualche tempo, la malattia provoca una grossa perdita di peso e l’atrofia dei muscoli, che piano piano portano al declino delle capacità fisiche. A questo punto bisogna trovare per forza un trattamento adatto, altrimenti si rischia un ricovero di almeno due settimane. Se si arriva al ricovero, il paziente viene testato per i segni di degrado che porta, soprattutto nella struttura scheletrica e nel tratto digerente. A questo punto si formeranno delle piaghe aperte, anche della grandezza di una moneta, nella parte superiore del tronco.
I farmaci per curare l’acne fulminante consistono in dosi elevate di antibiotici, farmaci antiinfiammatori, steroidi per via orale, necessariamente prescritti da un dermatologo.
L’acne fulminante ha il suo culmine nella pubertà, solitamente intorno ai 13 anni di età.
Con questo tipo di acne è sempre meglio consultare un medico, poiché se non curata in tempo può portare dei seri problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *