Acne cistica e disagio emotivo

Ho notato che la maggior parte delle persone che parlano della loro acne cistica lo fanno in un certo senso clinico, ma in realtà non parlano del disagio emotivo causato dall’acne su di loro.
Quelli di noi che soffrono di acne cistica sanno cos’è realmente l’acne cistica e perciò sono molto frustrati, anche perché sanno bene che il lavaggio della pelle non è sufficiente per risolvere il problema. Quelli di noi che hanno avuto l’acne per un po’ sono ancora più frustrati quando si rendono conto che la gente pensa che tu non ti prenda cura di te stesso o che ci sia una scarsa igiene personale, quando in realtà la pelle è molto più pulita e libera di germi.
Sfortunatamente viviamo in una società in cui dovremmo sentirci meno sicuri di noi stessi, perché la nostra pelle è malata. La cosa strana è che presumibilmente l’80% della società soffre di acne cistica nell’adolescenza. Ho visto persone con l’acne molto mite reagire in modo molto più forte di persone con acne peggiore, però questo dipende soggettivamente dalla persona in genere. Tuttavia, non ho mai incontrato una persona che soffre d’acne cistica e che sia completamente tranquilla con se stessa. E’ frustrante incontrare persone con la pelle perfetta e chiara e sentirsi dire che tutto ciò che serve è quello di lavare bene la faccia. L’acne è un disturbo che in realtà riguarda l’autostima, la fiducia in se stessi, e la felicità, e per ridurre al minimo questo serve solo a ridurre l’angoscia che molti soffrono ogni giorno.
La soluzione per coloro che hanno un disagio emotivo non è facile, ma si può ancora provare a fare qualcosa. Si può avere l’acne cistica e ancora godere di una buona vita sociale. Bisogna provare a prendere l’acne come se l’acne non ci fosse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *